Diamante. La chiesa parrocchiale dell’Immacolata aggregata alla Basilica Papale di Santa Maria Maggiore in Roma

Il cardinale Stanislaw Rylko, Arciprete della Basilica papale di Santa Maria Maggiore ha comunicato al nostro vescovo monsignor Leonardo Bonanno che la penitenzieria Apostolica ha concesso l’indulgenza plenaria alla chiesa parrocchiale dell’Immacolata in Diamante, per il Settennio di preparazione al Centesimo Anniversario dell’Incoronazione della sacra effige di Maria Immacolata che sarà celebrato nel 2028 come ricordato nel diploma in latino del Capitolo Liberiano.
L’istituzione della Parrocchia, dedicata all’Immacolata Concezione in Diamante, risale al 1645 e da secoli si pone come punto di riferimento religioso, culturale e turistico dell’Alto Tirreno cosentino ed attira, durante tutto l’anno, a soprattutto nei mesi estivi, visitatori e turisti soprattutto dalla Campania, ma anche da altre regioni d’Italia e d’Europa.
La Santa Vergine è Patrona della Città e viene festeggiata solennemente due volte all’anno: la prima nella Solennità dell’8 dicembre e oltre ai riti religiosi, si svolge la Fiera dell’Immacolata rinomata in tutto il comprensorio, fin da 1831.
La seconda festa viene celebrata dal 12 agosto dal 1928, in seguito alla comunicazione ufficiale del Capitolo Vaticano, rilasciata al parroco del tempo don Giovanni Casella mentre l’avvenimento che attira molti fedeli del posto e dei paesi vicini, è la tradizionale “Cordata dei misteri” : una lunga corda dei pescatori attorno alla quale si legano i pescatori ed i contadini come segno di “legame” tra le due radici culturali e sociali della religiosità popolare. Lungo il percorso sono presenti i segni della passione di Gesù, le croci del calvario e le statue di Gesù morto, dell’Addolorata e dell’apostolo Giovanni. In questa manifestazione, tra religiosa e culturale, tre “cori” cantano i lamenti della Passione.
Grande è la devozione dei diamantesi verso la loro celeste patrona; ne è testimonianza il volume di Enzo Monaco, Presidente dell’Accademia Internazionale del peperoncino, che ha voluto far dono a tutte le famiglie di Diamante nella ricorrenza della Festa dell’ Immacolata Concezione del 2016, dopo la presentazione a cura dell’Amministrazione Comunale guidata dal sen. Ernesto Magorno (negli ultimi tempi impegnata in modo particolare a garantire la convivenza civile in questo territorio), con la partecipazione del nostro Vescovo, nell’omonima monumentale chiesa parrocchiale, che domina l’antico e artistico borgo di Diamante.