In occasione della Giornata mondiale dei Poveri

Giornata di formazione per il Servizio Civile

Le tre diocesi cosentine riunite a Cassano

Domenica scorsa, il 14 novembre, in occasione della V giornata mondiale dei poveri, istituita da Papa Francesco, a Cassano allo Jonio i giovani del Servizio Civile Universale che prestano servizio nelle Caritas diocesane di Cosenza, Rossano e San Marco Argentano hanno partecipato all’incontro dal tema: “giovani e volontariato in Calabria un impegno che abbatte la povertà”, nel quale, attraverso le varie testimonianze e interventi, si è cercato di trasmettere il significato profondo dell’esperienza del volontariato come dono di se stessi al prossimo.
Evento inserito nel programma di servizio civile: “Ascoltare è prendersi cura” delle tre diocesi calabresi.
Tre sono state le indicazioni che a conclusione della giornata sono emerse per vivere una vita all’insegna dell’amore e della grazia di Dio: la chiave della prossimità, la chiave del volontariato e quella della spiritualità. Solo tenendo sempre attaccate queste tre chiavi al nostro “portachiavi” potremmo vivere una vita basata sulla compassione, sul rispetto e la benevolenza verso il prossimo.
Nel 2008 Nelson Mandela affermava: “In Africa esiste un concetto noto come Ubuntu, il senso profondo dell’essere umani solo attraverso l’umanità degli altri; se concluderemo qualcosa al mondo sarà grazie al lavoro e alla realizzazione degli altri”.
“Io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo”: questa può essere la frase che racchiude il senso profondo della giornata vissuta

(a cura de Giovani del Servizio Civile)